P. L. Travers & Mary Poppins: tutti i segreti di una storia magica

Mary Poppins. Il suo nome è una leggenda. La conosciamo come la tata più dolce (e a tratti severa) di tutti i tempi, ma la sua storia possiede retroscena segreti e inaspettati, fortemente legati a quelli di un’altra donna, Helen Lyndon Goff, sua creatrice. Curiosi di scoprirli insieme? Continuate a leggere…

Maryborough, Queensland 9 agosto 1899

In un giorno d’estate di inizio agosto nasceva la piccola Helen, colei che un giorno il mondo avrebbe conosciuto con il famoso pseudonimo di Pamela Lyndon Travers. Il padre, Travers Robert Goff era di origine irlandese, direttore della banca “Joint Stock”, e la madre, Margaret Agnes Morehead, aveva radici scozzesi. L’infanzia di Helen fu caratterizzata dalla lettura delle fiabe dei Grimm e delle poesie di alcuni poeti irlandesi, ma il suo capolavoro nacque proprio in età adolescenziale, come svago per distrarre le sorelle dalla depressione di cui soffriva la madre.

Rimasta orfana del padre già da piccolissima, crescendo si dedicò alla scrittura attraverso la stesura di articoli e poesie pubblicati su alcuni giornali, ma allo stesso tempo accettò i lavori più disparati, come cassiera, ballerina, attrice e segretaria. Arrivò in Inghilterra a ventiquattro anni e iniziò anche lì la sua carriera nell’ambito editoriale. Nel 1925, durante un viaggio a Dublino, incontrò il poeta George Russell e da questo incontro il mondo di Helen mutò, arricchendosi di conoscenze e scambi culturali.

La pubblicazione di Mary Poppins avvenne nel 1934, dopo essersi stabilita nella contea inglese del Sussex. Il libro fu un successo e l’autrice visse un momento di riscatto e gioia che la spinse a proseguire la sua opera letteraria con ulteriori capitoli. Dopo un lungo ventennio di proposte rifiutate e trattative, Pamela cedette i diritti cinematografici a Walt Disney per la produzione del film di Mary Poppins. La pellicola segnò l’inizio di un riconoscimento planetario senza precedenti.

Donna alquanto rigida e non poco burbera, col tempo e col passare degli anni Helen si era lentamente trasformata in Pamela, dando vita ad un mito che persiste ancora oggi. Studiò la Filosofia Zen e il Buddismo, divenne madre in età matura adottando un ragazzo (anche se l’esperienza come madre adottiva non fu delle migliori) e per tutta la sua esistenza non smise mai di ricercare l’amata quanto idealizzata figura paterna. La sua tata magica è il frutto di un’infanzia sofferta, di una vita avventurosa ma in buona parte sacrificata, che l’ha vista crescere forzatamente dinanzi ad eventi familiari traumatici. Un personaggio il suo che – come spesso accade per tutti gli autori – resta in bilico tra fantasia e realtà, costruendo un ponte fatto di scrittura per unire i due estremi dell’esistenza.

Il film
Nel 2013 la sua vita viene celebrata in un film, Saving Mr. Banks, meravigliosa trasposizione che mette in luce la sua infanzia, il rapporto con Walt Disney e il forte legame col personaggio di Mary Poppins. Come non rimanere incantati dinanzi ad un capolavoro simile? Lo trovate sempre disponibile in DVD qui, per una full immersion nel dietro le quinte della tata Mary.

Il consiglio di Clelia
Per tutti gli amanti della lettura, invece, qui potrete trovare il libro di Mary Poppins, edito da Rizzoli. L’ho letto tutto d’un fiato e non ho potuto che sorprendermi ad ogni parola: una storia brillante, impregnata di fantasia e umorismo, che conduce il lettore in un universo parallelo ricco di spunti di riflessione. Amo perdermi in queste letture ricreando sempre un’atmosfera rilassante, con candele dalle delicate profumazioni (cotone e rosa sono le mie preferite, le trovate qui e qui) e una buona tazza di tè inglese (freddo in questo periodo di terribile calura).

Bisogna amare le fiabe e queste a poco a poco ci riveleranno il loro significato.

Pamela Lyndon Travers

Foto: Disney Enterprises, Inc. All Rights Reserved

FacebookTwitterGoogle+PinterestLinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *