Londra, my love

Caro diario, sono a Londra da due giorni e ancora non mi pare possibile. Appena scesa dall’aereo una ventata di aria gelida mi ha travolto, era buio e s’intravedevano solo le luci del grande aeroporto semideserto. Dopo un viaggio interminabile in treno e poi in metropolitana sono finalmente giunta ad Uxbridge Road. Le auto e

continua »